HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Il mio partner mi tradisce e mente. Posso chiedere i danni morali?
Unioni civili e Convivenza | (11/03/2019)
Buongiorno ho avuto una relazione con una persona che aveva delle dipendenze e mi ha esasperato con atteggiamenti poco rispettosi fino al punto di tradirmi, dopo mi ha illuso d essere cambiato mentre ora è riemersa la parte irascibile e menefreghista che c è in se. Posso aver un risarcimento per danni morali?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 11/03/2019

Il danno morale è una voce di danno associata e vincolata - di norma - al danno biologico, ovvero ad una lesione dell'integrità psico-fisica cagionata da una condotta illecita altrui.

Ciò comporta che, nel caso di specie, sarebbe da verificare che:

- la condotta dell'ex compagno sia stata sostanzialmente di natura illecita, quindi violativa delle legge e non di aspettative personali.

- sia stata la causa diretta di un danno (lesione) alla Sua integrità fisica o psicologica.

Entrambi i profili debbono essere accertati e documentati, ad esempio, quanto alle condotte illecite, da prove testimoniali e, quanto al nesso causale tra le stesse ed il danno lamentato, da una perizia medica.

L'eleborato peritale dovrebbe attestare la sussistenza di un Suo disagio (patologico, non solamente emotivo) e il nesso con le condotte illecite del compagno.

In astratto, non possono definirsi illecite condotte pur biasimevoli sul piano umano quale il tradimento e un disatteso impegno a cambiare atteggiamento verso il partner.

Ciò tanto più vale, quanto trattiamo di un rapporto non matrimoniale.

In regime di matrimonio, infatti, sussistono obblighi di legge quali il dovere di fedeltà, di coabitazione e di solidarietà morale e materiale, che se violati dal consorte realizzano ipso facto un illecito e pertanto per il danno biologico. 

Tali doveri codificati non sussistono invece per la convivenza non formalizzata (e ancore meno per relazioni che non contemplino la convivenza) e pertanto la prova di profili illeciti è senz'altro più ardua ed articolata, collocandosi perfettamente nella disciplina della responsabilità extracontrattuale (art. 2043 c.c. "Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno".)

Avvocato  Fabrizio Tronca

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280