HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Covid19. Ferie, congedo ordinario o smart working?
Diritto del lavoro | (27/03/2020)

Sono un lavoratore dipendente costretto a casa come molti per l'emergenza Covid19. Il governo raccomanda il ricorso alle ferie. È possibile richiedere al datore di lavoro la sospensione dell'attività lavorativa, mantenendo così le ferie? La decisione spetta al datore di lavoro?

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 27/03/2020

Occorre premettere che, in tema di gestione del rapporto di lavoro durante il periodo di emergenza sanitaria per coronavirus, il decreto dell' 8 marzo 2020 ha raccomandato ai datori di lavoro di utilizzare, per quanto possibile, lo strumento dello smart working e, qualora ciò non fosse compatibile con le mansioni svolte dal lavoratore, di promuovere la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi di congedo ordinario e di ferie.

Rigurado alle ferie, peraltro, è da sottolineare che, per quanto riguarda l’unilateralità con cui il datore di lavoro può deciderle, il decreto si riferisce al codice civile, che all’articolo 2109 prevede che il lavoratore ha diritto alla ferie "nel tempo che l’imprenditore stabilisce, tenuto conto delle esigenze dell’impresa e degli interessi del prestatore di lavoro".

Soprattutto per i lavoratori che dispongono di un accantonamento feriale di notevole entità, pertanto, il datore di lavoro può dunque chiedere di utilizzare tutte le ferie che ha a disposizione, nel contesto dell'emergenza Covid19.

Come si può notare sono tutte "raccomandazioni", ma in considerazione dell'emergenza sanitaria (e tenendo presente quanto previsto dall'art. 2109 del Codice Civile in materia di ferie predisposte dal datore di lavoro), ritengo che si debbano considerare come strumenti da preferire rispetto a una sospensione non retribuita.

Resta inteso, ovviamente, che in caso di accordo con il datore di lavoro non è preclusa la possibilità di decidere una sospensione dal lavoro non retribuita (ma in caso di rifiuto del datore di lavoro di addivenire a un acordo in questi termini, la scelta di optare per lo smart working, congedi ordinari e ferie arretrate i maturate è da preferirsi, in quanto racomandata dalla legge).

Avvocato Egidio Rossi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280