HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Proroghe e rinnovi di contratto a termine in scadenza.
Diritto del lavoro | (03/12/2018)

Buongiorno, mi chiamo Sara Portarena, sono Mediatrice Culturale presso una Fondazione di Fotografia con CONTRATTO COMMERCIALE SESTO LIVELLO. Il contratto, della durata di 1 anno e mezzo, è in scadenza al 31 dic. 2018. Precedentemente sono stata assunta tramite agenzia interinale per un anno sempre in questa azienda. La mia assunzione è come CATEGORIA PROTETTA. Vorrei sapere quali sono le possibili prospettive che mi si potrebbero presentare: Rinnovo, Proroga... o non so. Inoltre, tutte le ferie da me non godute (che sono molte ore tra ferie, ex fest e giorni di recupero per troppi straordinari) possono essere "spostate" nel nuovo contratto? Grazie mille,

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Carla Etzi
Risposta del 03/12/2018

Le ferie maturate e non godute vengono pagate al dipendente al momento della cessazione del rapporto, non si trasferiscono a nuovi distinti rapporti di lavoro.

Il suo contratto a termine ricade sotto la disciplina vigente prima dell’entrata in vigore del Decreto Dignità.

Tuttavia, sono soggette alla disciplina del suddetto decreto le proroghe ed i rinnovi dello stesso.

La sua prospettiva, ma ovviamente per essere più certa si dovrebbe esaminare il contratto, è che il suo contratto in scadenza a dicembre venga prorogato per ulteriori 6 mesi, in tal modo giungendo alla durata massima prevista che era (prima della riforma) di 36 mesi (sommando somministrazione e lavoro a termine: art. 19 D.lgs. 81/2015).

Tale proroga potrebbe però avvenire a condizione che venga inserita nella stessa una giustificazione causale ossia dovrà essere indicata:

  • una esigenza temporanea e oggettiva estranea all’ordinaria attività;
  • una esigenza connessa ad un incremento temporaneo, significativo e non programmabile dell’attività ordinaria.

Una proroga priva della suddetta giustificazione comporta che il contratto di lavoro si trasformi in contratto di lavoro a tempo indeterminato, previo accertamento del Giudice, qualora l’azienda non adempia spontaneamente. 

 

Avvocato Carla Etzi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280