HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
È possibile dimettersi prima del termine nel contratto a tempo determinato?
Diritto del lavoro | (16/03/2021)
Salve, il primo giorno di marzo sono stata assunta con un contratto a tempo determinato di 12 mesi, con periodo di prova di 3 mesi, presso una banca. Anche se durante il processo di assunzione ho chiaramente espresso la mia intenzione di lavorare come concordato e non avere altri piani in vista, negli ultimi giorni ho ricevuto l'offerta di ammissione ad un master con inizio ad Agosto/Settembre, che voglio accettare. La mia intenzione era quella di lavorare fino all'inizio del master. Volevo sapere se fosse possibile licenziarmi fuori dal periodo di prova e con quali condizioni. Vi ringrazio per la vostra disponibilità.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 16/03/2021

Occorre premettere che, a norma dell'art. 2119 del Codice Civile, le dimissioni dal contratto a tempo determinato sono possibili soltanto quando sussiste una giusta causa, ovvero quando si è in presenza di un comportamento talmente grave posto in essere dal datore di lavoro tale da rendere impossibile, anche momentaneamente, la prosecuzione del rapporto di lavoro.

Tra queste cause rientrano, a titolo esemplificativo e non esaustivo, il mancato pagamento della retribuzione, il mancato rispetto delle norme di sicurezza, mobbing o abusi.

In assenza di giusta causa, la risoluzione anticipata dal rapporto di lavoro prima del termine potrebbe comportare il diritto del datore di lavoro di chiedere un risarcimento del danno (pari al rimborso per eventuali costi affrontati dall'azienda per assumere il lavoratore a termine oppure, secondo alcune pronunce della giurisprudenza, pari all'ammontare delle retribuzioni maturande dal recesso al termine naturale del contratto).

Nel caso che ci rappresenta sembrerebbe che le Sue dimissioni potrebbero non rientrare nel novero delle dimissioni per giusta causa, pertanto se dovesse recedere dopo il periodo di prova l'azienda potrebbe chiederLe i danni conseguenti al recesso anticipato e ingiustificato.

Il consiglio, pertanto, è quello di rassegnare le dimissioni entro il termine del periodo di prova (durante questo periodo, infatti, il recesso è consentito senza alcuna condizione e/o penalità) oppure, nel caso fosse intenzionata comunque a procedere con il contratto fino ad agosto/settembre, di concordare con l'azienda una risoluzione consensuale del rapporto (evitando, in questo modo, di incorrere nel rischio di richieste risarcitorie da parte dell'azienda).

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280