HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Eredità: prestito all’erede, cosa succede?
Eredità e Successioni | (22/02/2018)
Buongiorno mia madre è morta, in vita mi aveva fatto un prestito con interessi circa 8 anni fà, io sono l'unica legittima, purtroppo in questi ultimi anni parenti lontanissimi di grado e conoscenti hanno rovinato il nostro rapporto, le hanno fatto fare testamento e sanno di questo prestito possono averlo inserito nel testamento o possono chiedere la metà? Grazie tantissimo e saluti
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 22/02/2018
Per rispondere al Suo quesito, Le segnaliamo che, in caso di morte di un soggetto che aveva concesso un prestito, gli eredi, subentrando in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi del defunto, diventano titolari del diritto alla restituzione delle somme prestate. Nel caso di specie, tuttavia, qualora Lei fosse l’unico erede della Sua defunta madre, il Suo debito potrebbe estinguersi per la c.d. CONFUSIONE, disciplinata dall’art. 1253 c.c.: la confusione si verifica quando in uno stesso soggetto si riuniscono le qualità di debitore e creditore. È evidente che, in questa ipotesi, il suo debito si estinguerebbe poiché non potrebbe essere tenuto a restituire a se stesso le somme ricevute in prestito. Nell’ipotesi in cui, invece, vi siano altri eredi, costoro potrebbero esigere da Lei la restituzione delle somme prestate da Sua madre. Come noterà, per poter formulare un parere completo è dunque fondamentale capire se Sua madre abbia effettivamente lasciato un testamento e quali siano le previsioni testamentarie. Dalla Sua esposizione, riteniamo che Lei non sia in possesso del testamento e che potrebbero esserlo eventuali altri eredi. Le segnaliamo che la Legge prevede che entro 12 mesi dalla data di apertura della successione (cioè dalla data del decesso di Sua madre), debba essere presentata dagli eredi la dichiarazione di successione alla Direzione provinciale dell’Agenzia delle Entrate nella cui circoscrizione era residente il defunto al momento del decesso; nel caso in cui il defunto abbia lasciato un testamento, questo dovrà essere allegato a tale Dichiarazione.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280