HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Separazione coniugi: se lascio casa?
Separazione dei coniugi | (25/05/2017)
Buongiorno, vorrei fare la separazione consensuale non abbiamo figli ho la casa intestata a me e siamo in separazione dei beni.....se io lasciassi dentro mio marito finché non trovi una sistemazione e uscissi io di casa perché io avrei una soluzione momentanea che cosa comporta??? Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 25/05/2017
In via primaria, è bene chiarire secondo quale modalità Lei e Suo marito vogliate intraprendere la separazione consensuale, ovvero se con mera dichiarazione all’anagrafe (presso l’Ufficio di stato civile, senza regolamentazione di aspetti economici), mediante negoziazione assistita o, infine, mediante ricorso congiunto avanti il Tribunale Civile. Se da un lato la dichiarazione presso l’anagrafe comunale comporta dei costi insignificanti, mentre non permette alcuna regolamentazione dei diritti patrimoniali ed economici, dall’altro la negoziazione assistita e il ricorso presso il Tribunale consentirebbero di formalizzare un accordo, anche momentaneo, per il diritto di abitazione della casa. In tali sedi, infatti, si potrebbe prevedere, oltre naturalmente alla separazione dei coniugi, che la casa di Sua proprietà venisse destinata ad uso abitativo esclusivo al marito, anche ponendo un termine da valutarsi secondo le Sue o Vostre esigenze. Riteniamo che un assetto formale e scritto dell’accordo tuteli entrambe le Parti. Da un lato tutelerebbe Lei, in quanto l’”occupazione” di casa Sua sarebbe regolamentata e non La esporrebbe a difficoltà o contestazione nel recuperarla in futuro; dall’altro Suo marito, che sino alla decorrenza del termine (es: “fino al 31 dicembre 2017”) o della condizione (es. “fin quando il marito non reperisca una diversa abitazione” o ancora “fin quando la moglie non richiederà la propria abitazione per uso personale”) eventualmente previsti, sarebbe certo di poter permanere nell’abitazione. Da quanto espone si tratterebbe di una regolamentazione volontaria e consensuale della vicenda, pertanto l’assetto e le possibili conseguenze, venendo nello specifico alla Sua domanda, possono e debbono essere regolamentati esclusivamente da Voi.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280