HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Unioni civili e Convivenza | (04/04/2019)

Buongiorno sono cittadina rumena e convivo con mio compagno italiano di più di .. anni.. Al inizio lui era in affitto e abbiamo deciso comprare un appartamento insieme per motivo che il appartamento in affitto era piccolo avendo anche miei due figli gemelli e anche suo figlio maggiorene.. Casa e stata comprata l'ha intestata solo a lui io ho contribuito con soldi per ristrutturare e tutte bollete dalla casa.. Adesso ci vuole cacciare via di casa me e miei bambini minorenni gemelli (12 anni) per il semplice fatto che lui vuole più donne nella sua vita e tornare solo.. Che diritti ho in quella casa e che si può fare? Grazie. Cordiali saluti

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Marta Calderoni
Avvocato Marta Calderoni
Risposta del 04/04/2019

Per rispondere al Suo quesito riteniamo opportuno segnalare che, purtroppo, se l'immobile è di esclusiva proprietà del Suo compagno, costui potrà disporne come meglio crede e, in caso di interruzione della Vostra relazione, potrà chiederLe di andarsene dall'abitazione senza che Lei possa vantare alcun diritto.

Per quanto concerne, invece, le spese da Lei sostenute per la ristrutturazione, precisiamo che nel nostro ordinamento non vi è una regolamentazione dei rapporti patrimoniali tra coppie di fatto e pertanto, in linea di principio, anche dopo una lunga convivenza, ciascuna delle parti nulla può pretendere dall’altra, a meno che non abbia stipulato un contratto (cosiddetto contratto di convivenza) per disciplinare il regime degli acquisti compiuti dalla coppia.

Dunque, in assenza di uno specifico accordo tra Lei e il Suo compagno, le spese da Lei sostenute per la ristrutturazione non devono esserLe restituite, in quanto si tratta di esborsi effettuati in maniera spontanea (c.d. obbligazioni naturali).

In taluni casi, tuttavia, è possibile agire in giudizio per ottenere il rimborso (totale o parziale) di quanto versato tramite la cosiddetta azione di ingiustificato arricchimento; è necessario, però, dimostrare che il vantaggio che l’altro convivente ha ricevuto supera i normali limiti di adeguatezza e proporzionalità.

 

Avvocato Marta Calderoni

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280