HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI

Cos'è il lavoro accessorio?

Area legale: Diritto del lavoro
Avvocato Accanto

Il lavoro accessorio è una forma speciale di lavoro occasionale, che serve a dare una risposta alle esigenze del datore di lavoro che si trova ad affrontare esigenze professionali e produttive di carattere saltuario.

Il rapporto lega appunto due soggetti: il prestatore di lavoro (detto collaboratore) e il datore di lavoro (detto committente). 

Il vantaggio di questo tipo di rapporto è rappresentato dal fatto che il committente può utilizzare il lavoro dei collaboratori in modo estremamente flessibile senza necessità di particolari formalità e nel pieno rispetto della legge. Il collaboratore, infatti, può lavorare ed essere retribuito con un compenso esente da imposizioni fiscali e con una piena copertura INAIL per eventuali infortuni sul lavoro e senza incidere sulla sua posizione di disoccupato o inoccupato. 

Il collaboratore può percepire, nel corso di un anno solare, complessivamente e dalla totalità dei suoi committenti una somma non superiore a 7.000,00 Euro netti.

Se il committente è un imprenditore commerciale oppure un professionista (ad esempio un avvocato o un architetto) la somma massima che il collaboratore può ricevere da ciascun committente non deve superare i 2.020,00 Euro netti (somma lorda Euro 2.693,00) , fermo restando il limite di 7.000,00 € netti.

 

Casi particolari.

Un regime particolare è previsto per i lavoratori in regime di cassa integrazione guadagni, gli studenti iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado e per i lavori agricoli.

 

La retribuzione e i voucher

Il pagamento del lavoratore in regime di lavoro accessorio avviene tramite degli appositi buoni (cd. voucher) che il committente acquista presso una rivendita autorizzata (INPS, tabaccai, uffici postali, banche abilitate).

Ciascun voucher ha un valore nominale determinato per decreto dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali.

Al termine dell'attività lavorativa il committente consegna al collaboratore tanti voucher quanti sono necessari per raggiungere la somma dovuta per la prestazione.

Il lavoratore deve quindi presentare i voucher presso un concessionario del servizio voucher che provvederà a pagare al lavoratore il relativo importo. 

La somma che materialmente viene pagata al lavoratore è al netto delle trattenute assicurative e previdenziali (trattenuta INPS pari al 13% e trattenuta INAIL pari al 7%).

 

(il presente contenuto costituisce esclusivamente un’informativa di massima, che non ha pretese di esaustività, e che in ogni caso non sostituisce l’intervento e la consulenza di un avvocato)

Articoli collegati

Il contratto di agenzia: cosa è e come funziona. Breve guida
Leggi >
Professione Influencer: problemi e aspetti legali. Intervista a Martina Luchena
Leggi >
Lavoro e Covid 19: le novità
Leggi >

Come funziona

Scegli quello che ti serve

Scegli il servizio legale che ti serve selezionando l'icona corrispondente e segui le istruzioni per confermare l'invio della richiesta

Ricevi quello che hai chiesto

Ricevi il servizio legale che hai richiesto da parte di un nostro avvocato

Effettua il pagamento

Solo dopo aver ricevuto il servizio legale che hai chiesto effettua il pagamento

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280