HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Eredità e Successioni | (29/04/2019)
Ricevuto decreto ingiuntivo da parte dei creditori di padre defunto, nonostante fatta la rinuncia all' eredità in tre mesi di tempo dalla morte. Cosa fare? Opposizione?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Guido  Vecellio
Avvocato Guido Vecellio
Risposta del 29/04/2019

La rinuncia all'eredità è un atto con cui il chiamato all'eredità dichiara di non volerla acquistare (debiti del defunto superiori ai crediti).

In questo modo il rinunciante perde la qualità di erede, rimane estraneo alla successione e nessun creditore potrà rivolgersi a lui per il pagamento dei debiti ereditari.

La dichiarazione di rinuncia deve essere ricevuta da un notaio o dal Cancelliere del Tribunale del Circondario in cui si è aperta la successione. L'atto deve poi essere inserito nel Registro delle successioni, conservato nello stesso Tribunale.

La rinuncia non deve avere termini, limitazioni, condizioni e, se fatta dietro corrispettivo o a favore di solo alcuni degli altri chiamati all'eredità, è nulla.

Ciò premesso, dato per scontato che Ella abbia provveduto agli incombenti del caso, come sopra indicati e nel rispetto dei termini di legge, può fare opposizione al decreto ingiuntivo, che Le è stato notificato da un creditore del padre defunto, ex art. 645 codice procedura civile.

 

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280