HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Eredità e Successioni | (12/02/2019)
Buongiorno, vivo da 11 anni all'estero. Da alcuni anni ho problemi di salute che m'hanno costretto a diminuire l'orario di lavoro ed ad abbandonare l'università. Nonostante i miei genitori siano entrambi proprietari immobiliari e terrieri ed abbiano possibilità economiche, rifiutano d'aiutarmi. Inoltre le mie due sorelle vivono ancora in casa, quella maggiore lavora e la minore è mantenuta da ben 7 anni dai miei genitori. . Quest'anno mi sono riiscritta all'università perché vorrei terminare e vorrei che i miei genitori mi supportino, come già fanno con mia sorella minore. Continuano a negarmi aiuto. Ho qualche diritto ad essere liquidata prima della loro morte?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Marta Calderoni
Avvocato Marta Calderoni
Risposta del 12/02/2019

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

A norma dell’art. 458 del nostro codice civile, è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione.

È del pari nullo ogni atto col quale taluno dispone dei diritti che gli possono spettare su una successione non ancora aperta, o rinunzia ai medesimi.

Alla luce della disposizione sopracitata è del tutto evidente che, nel caso di specie, Lei non possa avanzare alcun diritto sulla successione dei Suoi genitori (al momento entrambi ancora in vita): dovrà dunque attendere il decesso dei Suoi genitori e l’apertura della successione per poter disporre delle Sue quote ereditarie.

Sottolineiamo però che, a norma dell’art. 155 quinquies del nostro codice civile, i figli, anche maggiorenni, hanno diritto ad un assegno di mantenimento fino a quando non raggiungano l'indipendenza economica.

La norma in esame, infatti, testualmente recita: “Il giudice, valutate le circostanze, può disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente il pagamento di un assegno periodico. Tale assegno, salvo diversa determinazione del giudice, è versato direttamente all'avente diritto”.

I figli hanno dunque il diritto di essere mantenuti dai genitori, secondo le reali possibilità di questi.

Precisiamo inoltre che, in caso di non ottemperanza a tale obbligo, i figli possono chiedere al Tribunale del luogo di residenza di decidere se e come i genitori siano tenuti a versare loro un assegno mensile di mantenimento.

Per quanto concerne, invece, l’importo di detto assegno di mantenimento a favore dei figli maggiorenni, la nostra giurisprudenza è unanime nel ritenere che la somma che deve essere versata dai genitori deve comprendere sia le spese ordinarie della vita quotidiana (per esempio affitto, trasporto, pasti, abbigliamento) sia quelle relative all'istruzione (es. tasse universitarie, libri) ed anche quelle per lo svago e le vacanze.

Naturalmente l'assegno di mantenimento deve essere adeguato al reddito percepito dai figli, se lavorano, aumentando o diminuendo l’importo in base alle variazioni dello stipendio che costoro ricevono nel tempo.

L'obbligo di mantenimento si interrompe soltanto nel momento in cui il figlio raggiunge un'autosufficienza economica tale da provvedere autonomamente alle proprie esigenze di vita in modo stabile, con un lavoro non precario corrispondente alle sue aspirazioni (cfr. sul punto le sentenze della Corte di Cassazione n. 27377/2013, n. 18/2011, n. 14123/2011 e n. 1773/2012).

Segnaliamo, infine, che i genitori sono esonerati dall'obbligo di mantenimento quando il mancato raggiungimento dell'autosufficienza economica dipende da negligenza o comunque da fatto imputabile al figlio. Non è dovuto l'assegno qualora il figlio maggiorenne opponga un rifiuto ingiustificato alle opportunità di lavoro offerte, ovvero dimostri colpevole inerzia prorogando il percorso di studi senza alcun rendimento.

Alla luce di quanto sopra esposto è dunque evidente l’obbligo dei Suoi genitori di mantenerLa, seppur Lei abbia già raggiunto la maggiore età, fino al momento in cui Lei otterrà una autosufficienza economica tale da provvedere autonomamente alle proprie esigenze di vita in modo stabile, con un lavoro non precario.   

 

Avvocato Marta Calderoni  

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280