HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Immobili | (08/04/2017)
Sono comproprietario di un appartamento acquisito in eredita'. Mio fratello a mia insaputa lo ha affittato. Ho inviato la ratifica del suo operato a mezzo di raccomandata sia a lui che all'inquilino. Ora pero' lui si rifiuta di darmi la mia parte di quote di affitti perche' sostiene che non gli do I soldi della gestione. Per contratto il locatario paga sia le spese condominiali che l'affitto. Fra l'altro non mi vuole inviare il dettaglio delle spese di gestione. E' andato un po fuori di testa e non mi vuole riconoscere. Cosa posso fare? Grazie in anticipo per le risposte.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Livia Achilli
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 08/04/2017
Il nostro Ordinamento prevede che il comproprietario di un immobile, ai fini della gestione ordinaria del bene, possa concedere in locazione il bene comune, anche senza il consenso dell’altro o degli altri comproprietari. In tale schema, vanno integrati gli effetti di legge del: regime di comunione, in forza del quale i comunisti godono pro quota dei frutti del bene in comune e del contratto di locazione: se il bene, in forza della locazione, produce delle ricchezze, quindi dei canoni, questi debbono essere ripartiti ai comproprietari secondo le proprie quote. Tanto vale l’osservazione, quanto il contratto prevede che le spese di ordinaria amministrazione dell’immobile siano poste a carico del conduttore. Nella fattispecie pertanto Suo fratello non è legittimato ad escluderLa dalla Sua quota di ricavi. Sarà pertanto opportuno inviare a Suo fratello una comunicazione di messa in mora formale, per richiedere le somme non ancora versate in Suo favore e indebitamente trattenute dallo stesso, con contestuale diffida dall’astenersi in futuro da condotte analoghe. Qualora l’esperimento bonario di composizione della vertenza non andasse a buon fine, sarà necessario adire l’autorità giudiziaria competente, valutando l’opzione di un decreto ingiuntivo.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280