HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Sequestro conservativo: quali presupposti?
Immobili | (30/11/2018)
Buonasera ho comprato casa il 1 agosto tramite agenzia immobiliare e un immobiliare di proprietà di un avvocato, l immobiliare è un srls la casa ha presentato da subito gravi vizi infiltrazioni umidità piastrelle che si alzano tubi rotti,piove dentro in una camera, muri non rasati marmi rotti ho denunciato entro 7 giorni i vizi chiedendo la risoluzione del contratto tramite mio legale l unica controproposta che mi è stata fatta è di dare una procura a vendere l immobile a mio nome alla società immobiliare e dopo mi ridarànno i soldi al netto 165000 euro contro i 177000 che si sono presi senza contare notaio agenzia e spese varie, il mio avvocato dice che ho tutte le carte in regola per vincere ma che alla fine se la società non ha soldi non prenderò niente é vero?tramite visura la società ha ancora un immobile intestato che ha affittato ma è propietario di altre due societa dove potrebbe benissimo reintestare questa casa uscendone pulito e io mi devo tenere la casa .
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 30/11/2018

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

Se Lei inizia un giudizio nei confronti della società, il procedimento potrebbe durare alcuni mesi se non anni e pertanto, onde evitare che durante questo periodo di tempo la società si spogli dell'unico bene di proprietà (cedendo l'immobile a terzi), è opportuno chiedere un sequestro conservativo su tale immobile, a norma dell'art. 671 c.p.c.

La norma in esame prevede infatti che il Giudice, su istanza del creditore che ha fondato timore di perdere la garanzia del proprio credito, può autorizzare il sequestro conservativo di beni mobili o immobili del debitore o delle somme e cose a lui dovute, nei limiti in cui la legge ne permette il pignoramento. 

Si tratta, in sostanza, di una misura cautelare e preventiva, il cui scopo è far sì che, in vista dell'esecuzione forzata, alcuni beni vengano conservati (l'immobile, nel Suo caso specifico).

Sono due i presupposti alla base del sequestro conservativo: il periculum in mora ed il fumus boni iuris.

Il periculum in mora consiste nel rischio di un pregiudizio effettivo per il diritto di credito, ossia nel timore che il debitore compia atti di disposizione che possano diminuire la garanzia patrimoniale offerta.

Il fumus boni iuris, invece, è rappresentato dalla sussistenza di elementi che risultino idonei a far ritenere fondato e motivato il diritto di credito alla base del sequestro e si avvicinino al concetto di piena prova, pur non identificandosi completamente con essa.

Nel caso di specie, sulla base delle informazioni che ci ha fornito, riteniamo sussistano entrambi i presupposti e, dunque, Lei potrà procedere in tal senso.

 

Avvocato Marta Calderoni

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280