HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Ho diritto di richiedere a mio nonno un contributo per il mio mantenimento?
Famiglia | (04/11/2020)
Avvocato ,buonasera. Sono un ragazzo di 24 anni e sono nello stato di famiglia di mio nonno , non avendo un padre (mai conosciuto) e con mia mamma morta l'anno scorso. il giorno dopo il funerale vado a vivere da amici per 6 mesi per le violenze psicologiche e fisiche subite da mio nonno nei miei confronti e nei confronti della buon anima di mia mamma. ad oggi sono senza lavoro fisso perché faccio una scuola molto pesante che finirò fra due mesi e nonostante i miei curriculum e tutto , qui a Napoli non riesco a trovare un lavoro, non ne parliamo col covid . Mentre pago rata della scuola, casa in affitto e studio,mio nonno vive in una casa dove è l'usufruttuario ma dove sono proprietario io al 50% e al 50% il fratello di mia mamma, non vuole venderla, percepisce una pensione di 1200 - 1400 circa al mese e inoltre anche l'affitto di 650 euro di una casa intestata all'altra sorella di mia mamma. E' mio diritto ricevere dei soldi?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 04/11/2020

Per rispondere al meglio alla sua domanda è opportuno affrontare separatamente le questioni giuridiche sottese.

In primo luogo affronterò la questione dell’immobile di cui è proprietario al 50%.

Il fatto che suo nonno abbia diritto di usufrutto su tale immobile, non le impedisce di alienare la proprietà dello stesso.

Tuttavia, è bene ricordare che lei potrà trasferire solo il diritto di cui è titolare e, dunque, la quota indivisa al 50% della nuda proprietà dell’immobile. Suo nonno, pertanto, a meno che non decida altrimenti, potrà godere di tale immobile sino all’estinzione del diritto di usufrutto (solitamente alla morte del soggetto, a meno che non sia stato diversamente pattuito).

Quanto alla questione relativa alla sussistenza di un diritto a ricevere una somma da parte di suo nonno, si ricorda come il nostro ordinamento preveda, all’art. 316bis c.c., che gli ascendenti abbiano il dovere di concorrere al mantenimento dei nipoti, nel caso in cui i genitori non ne siano in grado, e all’art. 433 c.c. che gli ascendenti (e dunque i nonni) sono soggetti all’obbligo di prestare gli alimenti nei confronti dei nipoti che si trovino in stato di bisogno.

All’art. 438 c.c., poi, si evidenzia come “gli alimenti possono essere chiesti solo da chi versa in istato di bisogno e non è in grado di provvedere al proprio mantenimento. Essi devono essere assegnati in proporzione del bisogno di chi li domanda e delle condizioni economiche di chi deve somministrarli. Non devono tuttavia superare quanto sia necessario per la vita dell'alimentando, avuto però riguardo alla sua posizione sociale.

Il nostro ordinamento, dunque, prevede che i nonni siano obbligati a contribuire alla spese alimentari del proprio nipote, in proporzione al bisogno del richiedente, ma anche della situazione economica e patrimoniale dei soggetti tenuti agli alimenti.

 

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280