HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
COME FUNZIONA
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
FEEDBACK
HELP
COLLABORA
CONVENZIONI
Q&A
Recupero Crediti | (04/10/2018)
Buongiorno, ho un negozio di riparazioni computer e telefonia, mi capita molto spesso, che clienti mi lasciano dei beni da riparare, dopo aver comunicato loro il costo della riparazione e aver avuto la conferma di aver accettato e proseguire con il lavoro, avviso il cliente che il bene e stato riparato e pronto per il ritiro, non ricevo risposta, e passano svariati mesi e ho anni, io ho diritto trattenere il bene e rivenderlo ho usarlo per rientrare del costo della riparazione ?
avvocato Guido  Vecellio
Avvocato Guido Vecellio
Risposta del 04/10/2018

Il tema che ci occupa si inquadra nel cosiddetto diritto di ritenzione di cui all'art.2756 c.c.

Solo nei casi previsti dalla legge, il creditore gode di un privilegio speciale sui beni del debitore, che gli consente di ritenerli sino al soddisfacimento integrale del suo credito. E' un previlegio sui beni mobili,  relativamente ai crediti per prestazioni e per spese relative al miglioramento ed è sussistente finchè esiste la detenzione. Possiamo equipararlo ad un diritto di pegno, che crea un vincolo di destinazione del bene al soddisfacimento del credito.

Non si possono però compiere atti di disposizione tipici del proprietario.

Il tutto deve concretizzarsi in una semplice non restituzione e non in un utilizzo indiscriminato del bene. Il citato art. 2756c.c. al terzo comma prevede anche la possibilità di vendere il bene, ma secondo le norme stabilite per la vendita del pegno.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280